La Famiglia

E’ il 1870 quando i Losi, antica famiglia chiantigiana di vignaioli, si impegnano a produrre vino di qualità, combattendo in prima linea per il vino Chianti Classico, condividendone le vicissitudini e la grande scalata al successo. L’allora capofamiglia Emilio Losi, sensibile a quello che stava accadendo in quegli anni di cambiamento, si dedicò alla viticultura secondo le nuove regole dettate dal mercato. E così fece anche Tranquillo, che da mezzadro si dedicò soprattutto alla coltivazione della vite e degli olivi nel Podere del Fontino e Querciavalle, presso la Certosa di Pontignano.

Con la fine della mezzadria, i Losi contrariamente alla  maggior parte dei mezzadri dell’epoca, decisero di specializzarsi nella produzione di vino. Nel 1954 Traquillo Losi acquistò il podere Fontino e Querciavalle fondando l’attuale Azienda Agricola Losi e, insieme ai suoi tre figli maschi Carlo, Alfiero ed Emilio, gestì l’azienda nei suoi primi anni. A Tranquillo si deve il merito di aver scelto, come enologo dell’azienda, il creatore del blasonato Brunello di Montalcino, Tancredi Biondi Santi. Da lui Tranquillo imparò molti dei segreti per produrre un vino pregiato e longevo: segreti che ha tramandato ai suoi figli.

Nel 1974 i Losi cominciarono a produrre Chianti Classico Querciavalle, imbottigliato con il marchio Losi. Proseguendo sull’opera dei genitori, i due cugini Pietro e Paolo, mediante cospicui investimenti, hanno dato alla produzione un’impronta precisa, unendo qualità e tipicità, senza mai dimenticare l’innovazione.

Nel 1998, I Losi acquistano il Podere Pontignanello portando al massimo il livello qualitativo e le peculiarità dei loro vini. Nello stesso anno il nipote Riccardo, figlio di Pietro, appena maggiorenne, comincia a lavorare in azienda. Nel 2005 sua sorella Valeria ne segue l’esempio con lo scopo di gestire al meglio le pubbliche relazioni dell’azienda con il mercato internazionale.